Presa in carico dei minori sottoposti a procedimento penale, approvato accordo tra Regione e altre realtà

Documentazione giuridica

Presa in carico dei minori sottoposti a procedimento penale, approvato accordo tra Regione e altre realtà

La Giunta Regionale Toscana, con delibera 13 luglio 2020 n. 883, ha approvato lo schema di protocollo d’intesa tra la Regione, le Aziende Usl della Toscana e altre realtà per sperimentare un percorso di inserimento in comunità terapeutica dei minorenni sottoposti a procedimento penale in seguito a una necessità segnalata dal medico di presidio sanitario dell’Istituto Penale per i Minorenni all’Autorità Giudiziaria Minorile.

Lo schema di protocollo d’intesa è riportato nell’Allegato A della delibera 883/2020.

«Attraverso la sperimentazione del percorso di inserimento di cui all’articolo 1 – si legge nello schema di protocollo d’intesa -, si intende perseguire la finalità di un’attenta e rigorosa valutazione dei bisogni del minore non noto ai Servizi Sanitari e senza diagnosi e verificare la necessità di approfondimento del quadro diagnostico del minore stesso, affinché possa essere puntualmente individuata la tipologia di struttura più adeguata alle sue necessità».

Il percorso sperimentale di valutazione e inserimento dei minorenni in comunità è realizzato secondo le modalità operative indicate nell’Allegato A1 (“Procedura per l’accoglienza e l’inserimento del minore nella Comunità Masotti tramite modulo filtro”) della delibera 883/2020.

Le altre parti del protocollo d’intesa sono il Centro di Giustizia Minorile per la Toscana e l’Umbria, la Procura della Repubblica per i Minorenni di Firenze, il Tribunale per i Minorenni di Firenze, l’Agenzia Regionale di Sanità e la Comunità terapeutica Masotti di Pistoia.