Affidamento familiare e comunità

L'affidamento è un intervento temporaneo di aiuto e di sostegno ad un minore proveniente da una famiglia in difficoltà che, in un determinato momento, non è in grado di occuparsi delle sue necessità affettive ed educative.

L’istituto dell’affidamento si configura come un’attività diretta a sostenere la tutela dei diritti dell’infanzia garantendo al bambino, o all’adolescente, il diritto a crescere in una famiglia affinché siano perseguite e garantite, anche in un periodo temporaneo di difficoltà,  le sue primarie e fondamentali esigenze e necessità, tenendo conto delle sue caratteristiche personali e familiari, nonché della specifica situazione di disagio.

Accogliere un bambino o un adolescente in affidamento è quindi un’occasione per contribuire al suo processo di crescita e di sviluppo nell’attesa del rientro nella sua famiglia.

Le caratteristiche principali dell’affidamento sono:

  • la temporaneità: la durata dipende infatti dal tipo di difficoltà presenti nella famiglia di origine e il rientro del minore in essa è legato al superamento degli ostacoli che ne hanno creato la necessità;
  • il mantenimento dei rapporti con la famiglia di origine: non si tratta di una sostituzione definitiva ed esclusiva di affetti;
  • la previsione del rientro del minore nella famiglia di origine: è l’obiettivo perseguito in tutti i percorsi di affidamento

 

Elenco dei materiali inseriti sul sito in ordine cronologico a tema Affidamento familiare e comunità >>

In evidenza

Centri per l'affido in Toscana, report del Centro regionale

È online il nuovo report del Centro regionale I centri per l’affido in Toscana (dati al 31 dicembre 2016). I centri affidi rappresentano una realtà importante e consolidata nella nostra regione e svolgono un ruolo cruciale nel sostegno a bambini, ragazzi e famiglie. | leggi tutto